AIUTARE I BAMBINI IN DIFFICOLTA’

La scuola ha bisogno di insegnanti come Biancamaria Micheli, autrice di questo post.

Se gli insegnanti fossero come lei, la scuola sarebbe un posto migliore e, tutti i ragazzi, potrebbero imparare cosa che, purtroppo, oggi non accade.

“Buongiorno, sono un’insegnante di scuola primaria. Ho lavorato in una paritaria per 25 anni, ora dopo aver vinto il concorso sono passata nella statale. In classe cerco di applicare quelle strategie per aiutare i bimbi in difficoltà e non solo… mi piace un clima di classe sereno, nel quale i bambini apprendono senza aver paura dell’errore. Cerco di dare strumenti compensativi a tutti che poi pian piano chi non ne ha bisogno toglie, ma chi ne ha bisogno tiene senza sentirsi diverso e soprattutto avendo avuto le indicazioni necessarie su come utilizzarli. Cerco di tenermi sempre aggiornata e mi piace fare formazione: la ritengo necessaria. Ho frequentato piu corsi anche per attuare strategie per ADHD e cerco di metterle in pratica. Il gruppo classe diventa la nostra forza. Utilizzo spesso in classe apprendimento cooperativo, Peer to peer, problem solving e mi piace sedermi accanto e fra i bambini.
Ho tre figli maschi”.

Advertisements

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *